I ricercatori dell’Università di Oxford e dell’Università Goethe di Francoforte hanno recentemente utilizzato la tecnologia della realtà virtuale (VR) per studiare gli effetti della distrazione visiva WM. I risultati, pubblicati su Communications Psychology, indicano che la distrazione visiva rallenta i movimenti delle persone durante il completamento di compiti e le costringe a eseguire più azioni

L’impatto della distrazione visiva WM

cose la memoria di lavoro 1
WM la memoria lavoro è responsabile della conservazione temporanea e della gestione delle informazioni che utilizziamo per completare attività nell’immediato

Gli esseri umani devono spesso bilanciare l’uso della memoria di lavoro (WM), responsabile della conservazione temporanea e della gestione delle informazioni che utilizzano per completare attività immediate e l’acquisizione di nuove informazioni dall’ambiente. 

A differenza della memoria a lungo termine, che immagazzina informazioni per periodi estesi, la WM opera su una scala temporale breve, tipicamente da pochi secondi a minuti.

Essa permette di trattenere informazioni importanti mentre si esegue un compito. Ad esempio, ricordare un numero di telefono appena sentito per poterlo digitare.

Oltre a conservare informazioni, la WM consente di manipolarle. Questo è fondamentale per attività come fare calcoli mentali, seguire istruzioni complesse o risolvere problemi.

La WM è inoltre fondamentale per interagire efficacemente con l’ambiente. Ad esempio, quando guidiamo, dobbiamo tenere a mente le indicazioni stradali mentre controlliamo il traffico e gestiamo i comandi del veicolo.

 «La distrazione visiva è un aspetto onnipresente della vita quotidiana», spiegano gli autori dello studio, Levi Kumle, Melissa L. H. Võ e colleghi. «Studiare le conseguenze della distrazione durante compiti temporalmente estesi, tuttavia, non è trattabile con i metodi tradizionali. Abbiamo sviluppato un approccio di realtà virtuale che segmenta il comportamento complesso in sottocomponenti cognitive, tra cui codifica, ricerca visiva, utilizzo della memoria di lavoro e processo decisionale».

Svolgimento dell’esperimento

Nel contesto della ricerca della distrazione visiva con la tecnologia VR, l’uso della WM è stato misurato analizzando la capacità dei partecipanti di ricordare e utilizzare attributi come l’identità e la posizione degli oggetti durante compiti visivi. Questo ha permesso di comprendere come la distrazione influisce sulla nostra capacità di gestire le informazioni visive e di reagire in modo appropriato. I ricercatori hanno reclutato trenta partecipanti, chiedendo loro di partecipare a due prove sperimentali distanziate di una settimana. Durante i test, i partecipanti indossavano un visore VR HTC Vive Tobii Pro e utilizzavano un controller HTC Vive per completare un compito in VR.

Fase di istruzione e prova

I partecipanti hanno navigato in due diversi ambienti virtuali: una sala istruzioni e una sala prove. Nella prima, hanno imparato a usare l’attrezzatura VR. Una volta pronti, si sono spostati nella sala prove per completare il compito sperimentale.

Compito di copia degli oggetti

Il compito consisteva nel selezionare otto oggetti target su ventiquattro, alcuni dei quali erano distrattori visivi, cioè elementi nell’ambiente che catturano l’attenzione e possono interferire con la capacità di concentrarsi su un compito specifico. Questi possono essere qualsiasi cosa che attiri l’attenzione, ad esempio luci, colori o movimenti.

I partecipanti dovevano quindi riprodurre una configurazione mostrata su un modello, prelevando e posizionando gli oggetti nello spazio di lavoro entro un tempo limitato. Nel frattempo, i ricercatori modificavano la posizione della visualizzazione del modello e l’opacità degli oggetti nel pool per valutare l’impatto di queste variazioni sulle prestazioni dei partecipanti.

Risultati dell’esperimento

Le distrazioni visive non impediscono necessariamente il raggiungimento degli obiettivi, ma hanno conseguenze significative sul comportamento. «Abbiamo tracciato con successo le conseguenze della distrazione a partire dall’esecuzione complessiva del compito ai processi decisionali che limitano l’utilizzo della memoria“, sottolineano gli scienziati. «La distrazione ha rallentato il comportamento e aumentato i movimenti corporei necessari per completare il compito. Fondamentalmente, la distrazione ha aumentato le richieste di codifica, ha rallentato la ricerca visiva e ha ridotto la dipendenza dalla memoria di lavoro».

Implicazioni della ricerca e l’importanza della memoria lavoro WM

Gli esseri umani sono naturalmente abili nel completare compiti procedurali, come seguire una ricetta o assemblare mobili. Tuttavia, durante queste attività, possono incontrare distrattori visivi, come ingredienti irrilevanti presenti accanto a quelli necessari per la ricetta.

Ignorare questi distrattori e concentrarsi sugli oggetti rilevanti solitamente risulta facile, ma la loro presenza può comunque influenzare il modo in cui completiamo le attività. Esplorare gli effetti dei distrattori visivi durante compiti estesi si è rivelato impegnativo, ma la realtà virtuale offre una soluzione efficace. Con la VR, i ricercatori possono creare ambienti controllati per studiare in dettaglio come i distrattori visivi influenzano il comportamento e la memoria di lavoro.

Fonte

Levi Kumle et al. Conseguenze multiformi della distrazione visiva durante il comportamento naturale, Psicologia della comunicazione



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *