Ricordiamo tutti la sfuriata di Pierluigi Diaco con Vira Carbone per il cellulare acceso nel programma Io e Te. Ieri è successa una cosa simile a Bella Mà. In studio hanno ricordato Franco Califano, con il grande amico del cantautore, Antonello Mazzeo, quando ad un certo punto il cellulare dell’uomo ha iniziato a suonare. Per un attimo ho pensato al peggio e invece Pierluigi ha stranamente tranquillizzato Mazzeo: “Può capitare, non ti preoccupare“.

Pierluigi Diaco e le critiche per il cellulare di Vira Carbone.

Nell’estate del 2019 Vira Carbone portò il cellulare in studio a Io e Te. Il telefono iniziò a squillare, scatenando l’ira del conduttore.

“Hai portato il cellulare in studio? Ma perché? Devo dirti la verità, lo trovo brutto. Io vieto assolutamente il telefono qui. No, non sto scherzando. Guardate che è vietato in questa trasmissione portare il cellulare. Trovo molto maleducato entrare in uno studio televisivo con il telefono acceso. Soprattutto quando parla e si discute. Scusate ve lo dico con grande sincerità. Io lo trovo proprio maleducatissimo. Quindi vi chiedo di spegnere subito i telefoni. Perché ha suonato il tuo telefono? Io su questo posso diventare molto severo. E questo è un invito che faccio a tutti anche ai miei colleghi. Non va usato il telefonino in onda. Guardate che è una droga, una vera patologia. Non lo trovo comico per nulla. Posso dirvi una cosa? Mi piace essere sincero con voi. Mi sono indispettito, ma converrete con me che abbracciarci e stringerci la mano è più importante di farci i selfie?

Perché anche quando incontriamo degli amici vengono lì subito con ‘facciamoci una foto’. Io mi sottraggo alla dittatura del cellulare. La trovo volgare, volgarissima a dirla proprio tutta. Questo è quello che penso. Ormai tutti pensano alle foto con il telefono e sono sempre attaccati a questo mezzo. L’idea di avere sempre questo strumento senz’anima tutto il giorno mi inorridisce. Guardiamo la vita, il tramonto e gli altri. Stando sempre attaccati al cellulare offendiamo la nostra anima”.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *