Bonus Animali domestici 204 1


Chi ne ha uno ne potrà di sicuro beneficiare: in cosa consiste il Bonus animali domestici 2024 e quali sono i requisiti per ottenerlo.

Cane gatto e furetto

Un aiuto economico in più sarà sempre gradito, specie se in casa ci sono amici a quattro zampe da sfamare e di cui prendersi cura. Ma tutti ne hanno diritto? Cosa sapere sul Bonus animali domestici 2024, come si ottiene e di quali requisiti è necessario essere in possesso per poterlo richiedere. Una guida pratica e veloce per tutti i padroni che hanno scelto di prendersi cura di un animale d’affezione.

Un bonus non per tutti: quali sono gli animali d’affezione ‘ammessi’

Non bisogna ‘limitarsi’ ai soli cani e gatti, che di certo rientrano nella categoria, ma neppure estendere troppo la cerchia di quelli per i quali è previsto il Bonus: gli animali d’affezione, detti anche ‘da compagnia’, sono infatti quelli che vivono a stretto contatto con l’umano. Quest’ultimo da essi non ‘ricava’ alcun prodotto ma se ne prende cura al solo fine di un legame affettivo.

Galline

Non a caso sono esclusi polli e galli, e ancora anfibi e altri animali acquatici. Gli animali ammessi, sebbene non ‘sfruttati’ a scopo riproduttivo o alimentare, possono essere impegnati nella Pet therapy e in attività di assistenza. A stabilirlo è stato il Decreto del 28 febbraio 2003, deciso dal Presidente del a Consiglio dei Ministri.

Bonus animali domestici 2024: cos’è e come ottenerlo

Si tratta di un contributo economico diretto ai padroni che hanno l’onere di coprire spese veterinarie e di sussistenza per i loro animali domestici; sebbene non sia ancora stata calcolata una cifra pro capite (a famiglia), si sa che il fondo stanziato è di 750mila euro da ‘dividere’ in tre anni, ovvero il triennio 2024-2026, dunque 250mila all’anno.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento sul tema >>> Bonus animali domestici: come ottenere la detrazione spese veterinarie

Ma chi ne ha diritto e può richiederlo? oltre naturalmente a possedere uno dei seguenti animali:

  • cane,
  • gatto,
  • coniglio,
  • furetto,
  • pesci,
  • roditori.

Nello specifico: cani, gatti e furetti dovranno essere iscritti regolarmente all’Anagrafe preposta (istituita nel 1991), inseriti nel registro e dotati di microchip. Il padrone in questione dovrà avere più di 65 anni e un ISEE inferiore a 16.215 euro.

Bonus animali domestici 2024: non c’è solo questo

Molti Comuni riescono a stanziare dei fondi per i padroni di animali d’affezione ivi residenti: queste iniziative, oltre a coprire alcune spese, rappresentano anche un incentivo per chi ha voglia di adottarne uno ma è frenato dalle scarse possibilità economiche. Infatti la lotta contro il randagismo è sempre in atto, e si spera che col tempo, si riesca a ridurre il fenomeno fino a farlo sparire del tutto.

Pesce in acquario

E non è tutto: oltre al Bonus, c’è la possibilità di richiedere la detrazione del 19% delle spese relative agli animali fino a un massimo di 550 euro (per un minimo di 129,11 euro).

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *