TORINO – Mentre alcuni compagni di squadra in bianconero si godono il riposo dopo la vittoria contro l’Inter, con la ripresa fissata per giovedì alla Continassa, Miralem Pjanic sta preparando l’assalto alla qualificazione agli Europei con la Bosnia, inserita nel girone dell’Italia. Intervistato da Radio Sarajevo, il regista bosniaco, uno dei migliori nella nuova Juventus di Sarri, è tornato sulla vittoria di San Siro, blitz che ha permesso ai campioni d’Italia in carica di ritornare in vetta alla classifica, abbandonata dopo lo 0-0 contro la Fiorentina e per merito di un’Inter fino a domenica imbattuta. “Tutto è andato bene – esordisce Pjanic nell’intervista all’emittente bosniaca -. Abbiamo meritatamente battuto l’Inter e finalmente abbiamo raggiunto il primo posto in classifica. Penso che la nostra squadra sia sicuramente la migliore in Italia, vogliamo essere in testa e da domenica siamo dove vogliamo”.

Campionato e Champions

L’obiettivo, come ogni anno, è non lasciare nulla per strada: scudetto, Champions League, Coppa Italia. Per la Juventus non esistono scelte quando si parla di trofei: “Puntiamo a vincere tutti i trofei, ovviamente, questo è l’obiettivo della Juventus. Questo è un club che è tra i primi quattro migliori del mondo. I nostri obiettivi sono alti, non solo in questa stagione: vogliamo vincere tutti i trofei e ci impegneremo di nuovo quest’anno. La Champions? Vincere la Champions League e sollevare quel trofeo è il mio sogno. Spero di farcela quest’anno”.

Corsa europea

Inevitabile parlare anche della corsa alla qualificazione per i prossimi Europei del 2020, con l’Italia grande favorita nel girone e la Bosnia in ritardo dopo qualche scivolone inaspettato. Le prossime sfide con Finlandia e Grecia saranno decisive: “Sarà difficile, entrambi i match sono importanti. Solo vincendole entrambe possiamo ritornare in gara per il secondo posto. Dobbiamo credere in noi stessi. Non sarà facile, ma sappiamo di poterlo fare. Dobbiamo prendere tutti e sei i punti in queste due partite, solo così potremo restare in gioco per qualificarci direttamente con l’Italia per il nostro primo campionato europeo”.

Fonte