adrenalina pura velocitA record sull acqua riesce battere v4 708509



adrenalina pura velocita record sull acqua riesce battere v4 708509

Nel lontano 2018 venne stabilito un record di velocità sull’acqua da un motoscafo elettrico. Ma cosa succede se un veicolo con motore termico provasse a fare lo stesso? Nel 1978 qualcuno ha raggiunto la velocità massima mai provata sull’acqua e da quel momento nessuno è più riuscito a superarla.

Andiamo per ordine cronologico però, per capire la storia dell’impresa sin dagli albori. L’avventura iniziò nel 1885, quando lo “Stiletto” di Nathanael Herreshoff segnò il record a 42,2 km/h, aprendo la via a una serie di imprese che avrebbero portato alla definizione dei primi veri record di velocità.

La svolta avvenne nei primi anni del Novecento, quando l’innovazione tecnologica permise il superamento dei 50 km/h, grazie a imbarcazioni sempre più sofisticate. Il “Feiseen” di William Cogswell e la “Turbinia” di Charles Algernon Parsons furono tra i pionieri di questa era, sfruttando la potenza del vapore per conquistare nuovi record.

Il passaggio ai motori a combustione interna segnò un’ulteriore accelerazione. Nel 1911, la “Dixie IV“, una barca con scafo planante, stabilì un nuovo standard, superando i 90 km/h. La competizione si intensificò negli anni ’20 e ’30, con figure leggendarie come Gar Wood e Malcolm Campbell che si contendevano il primato, spingendo la velocità oltre i 200 km/h.

L’innovazione non si fermò, e negli anni ’40 e ’50, l’introduzione dei motori jet portò la competizione a nuovi vertici. Donald Campbell, con il suo “Bluebird K7“, dominò la scena, stabilendo ben sette record e spingendo la barriera oltre i 440 km/h.

Ma arriviamo al nocciolo: il record attuale, stabilito da Ken Warby nel 1978 con il “Spirit of Australia“, ha fermato l’orologio a 511,11 km/h, una velocità che nessuno è ancora riuscito a superare. Trovate il video poco sotto.

Ma detto questo, avreste mai immaginato che il treno più veloce del mondo ha superato (e di molto) la velocità dell’imbarcazione?



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *