Il Milan di Stefano Pioli all’esame scudetto. I rossoneri, primi in classifica davanti all’Inter, nella penultima giornata ospitano l’Atalanta con l’obiettivo di conquistare 3 punti per blindare il tricolore. “E’ dalla partita con la Lazio che giochiamo partite da dentro o fuori. Abbiamo superato delle tappe difficili, domani sarà altrettanto difficile. Dopo di noi sono la migliore in trasferta, l’Atalanta ci costringerà a giocare il miglior calcio possibile”, dice Pioli. “Domani avere uno stadio tutto rossonero non può che darci ancora più carica ed energie, sappiamo quanto sono bravi i nostri tifosi a sostenerci -aggiunge Pioli-. In questi giorni ho visto una squadra molto attenta. Altre emozioni che non riguardano la partita di domani non ci sono”.

“Credo che la squadra affronterà la partita con grande consapevolezza, sia del momento che delle proprie qualità. Abbiamo superato tante tappe, positive e negative, che ci sono servite per crescere. Siamo stati bravissimi fino ad oggi, dovremo essere migliori da qua alla fine. Non dobbiamo pensare oltre, dobbiamo pensare alle 17:59 di domani, quando inizierà la partita. Dobbiamo continuare a pensare solamente alla partita, quello che succederà dopo dipenderà da come sarà la partita. Poi succederà quello che dovrà succedere, abbiamo la forza per poter determinare”, aggiunge.

Domani è l’ultima di Ibrahimovic a San Siro? “Mi auguro di no, è un campione con la C maiuscola. Non mi riferisco solo all’aspetto tecnico. Ho una stima nei suoi confronti che è smisurata. Mi auguro che non sia così, ma Zlatan ha l’intelligenza necessaria per decidere del suo futuro”.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.