Pierluigi Diaco in questi giorni è al centro di una polemica che egli stesso ha definito “schifoso linciaggio mediatico”:

Le critiche che attira a sé il conduttore di Io e Te sono perlopiù le stesse che gli mosse ben 10 anni fa il critico Aldo Grasso che – in un articolo datato 18 giugno 2010 – dette a Pierluigi Diaco dell’adulatore opportunista privo di ironia.

“Pierluigi Diaco: assolutamente privo di ironia, corteggia spudoratamente la banalità e programma con pignoleria la sua carriera. Cerca di entrare nelle grazie di chiunque detenga un potere senza mai dispiacere l’interlocutore, inondandolo anzi di melassa e di condiscendenze. Le doti principali di Diaco sembrano essere appunto l’adulazione e l’opportunismo: è di sinistra ma anche di destra, dice di amare le donne ma anche gli uomini, parla da orecchiante ma anche da cultore di idées reçues, espresse preferibilmente in un italiano incerto. È giovane ma anche vecchio. Non ha un pensiero, ma finge di averlo, come tutti i cosiddetti opinionisti tv, insomma è un perfetto para-guru”.

Ammazza.



Fonte