Giornata negativa per Piazza Affari, che chiude le contrattazioni in ribasso, le ultime del 2022, assieme agli altri Eurolistini. Intanto il mercato USA mostra un andamento negativo. La borsa di Londra ha già chiuso alle 13.30. L’anno che si sta per chiudere è da dimenticare per i mercati azionari mondiali, il peggiore dal 2018, in cui i guadagni sono stati erosi tra inflazione, tassi in rialzo, guerra in Ucraina e il ritorno del Covid in Cina.

Sul mercato valutario, lieve aumento per l’Euro / Dollaro USA, che mostra un rialzo dello 0,23%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,27%. Il Petrolio Light Sweet Crude Oil mostra un timido guadagno e segna un +0,45%.

Sale lo spread, attestandosi a +219 punti base, con un incremento di 10 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 4,69%.

Tra gli indici di Eurolandia si concentrano le vendite su Francoforte, che soffre un calo dell’1,05%, sottotono Londra che mostra una limatura dello 0,52%; sensibili perdite per Parigi, in calo dell’1,52%. Giornata “no” per la Borsa italiana, in flessione dell’1,45% sul FTSE MIB, mentre, al contrario, performance positiva per il FTSE Italia All-Share, che termina la giornata in aumento dell’1,22% rispetto alla chiusura di ieri.

In Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,06 miliardi di euro, restando invariato rispetto alla seduta precedente; i volumi scambiati sono passati da 0,36 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,38 miliardi.

Giornata nera a Piazza Affari: tutti i titoli ad alta capitalizzazione sono in perdita.

Le peggiori performance si sono registrate su Telecom Italia, che ha chiuso a -3,78%.

Vendite su Interpump, che registra un ribasso del 2,63%.

Seduta negativa per Terna, che mostra una perdita del 2,60%.

Sotto pressione Snam, che accusa un calo del 2,41%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Ariston Holding +2,29%, Wiit +1,98% e Anima Holding +0,70%.

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su GVS, che ha chiuso a -3,39%.

Scivola Danieli, con un netto svantaggio del 2,58%.

In rosso Seco, che evidenzia un deciso ribasso del 2,37%.

Spicca la prestazione negativa di Brunello Cucinelli, che scende del 2,26%.

Tra i dati macroeconomici rilevanti:

Venerdì 30/12/2022
09:00 Spagna: Prezzi consumo, mensile preced. -0,1%
09:00 Spagna: Prezzi consumo, annuale preced. 6,8%
15:45 USA: PMI Chicago atteso 40 punti; preced. 37,2 punti

Lunedì 02/01/2023
10:00 Unione Europea: PMI manifatturiero preced. 47,8 punti

Martedì 03/01/2023
02:45 Cina: PMI manifatturiero Caixin preced. 49,4 punti.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *