Riparte la campagna per la quarta dose del vaccino anti-Covid, su impulso del Ministro della Salute Orazio Schillaci, nel tentativo di coprire le fasce più fragili, dal momento che la campagna per la quarta dose non è andata come sperato.

“Vogliamo dare un messaggio forte a tutta la popolazione ma il nostro target sono soprattutto gli anziani ed i soggetti fragili. Dobbiamo affrontare insieme Covid e influenza stagionale, che quest’anno pare si presenti molto forte, e dobbiamo farlo possibilmente con una unica vaccinazione che è possibile fare appunto in una unica seduta»”, ha detto il titolare della Salute, lanciando la campagna in TV e sui social.

C’è stato un rialzo dei casi ma le terapie intensive sono sotto il livello di guardia ed è questo cui bisogna guardare principalmente. Il Covid è in una fase endemica e ciò ci ha permesso di riacquistare spazi di normalità”, ha sottolineato Schillaci.

Un rilancio della campagna necessario poiché la prima fase non è andata bene. In base ai dati ufficiali del governo, il secondo booster è stato somministrato a poco più di 5 milioni di italiani, il 26,7% della platea prevista fra over 60, operatori sanitari e soggetti al elevata fragilità.

Da fine ottobre è iniziata una fase di rallentamento che ha portato sino al calo registrato la scorsa settimana con 170mila somministrazioni rispetto alle 190mila della settimana precedente. Quel che più preoccupa è la bassa percentuale fra gli anziani pari al 41% per gli ultra ottantenni, al 27% nella fascia dei settantenni ed al 16% per i sessantenni.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *