Oltre al romanzo ‘La figlia del capitano’ di Aleksandr Puškin, anche un giallo di Agatha Christie

Filippo Turetta e  l'auto dei carabinieri che lo ha portato in carcere (Fotogramma)
Filippo Turetta e l’auto dei carabinieri che lo ha portato in carcere (Fotogramma)

Filippo Turetta, che in carcere aveva chiesto dei libri per passare il tempo in cella, è stato accontentato. Dalla biblioteca della casa circondariale di Verona Montorio, dove è recluso per l’omicidio della ex fidanzata Giulia Cecchettin, secondo quanto apprende Adnkronos, gli sono stati dati in prestito il romanzo “La figlia del capitano” di Aleksandr Puškin, che narra di un amore contrastato tra due giovani e delle innumerevoli traversie che dovranno superare, e un giallo di Agatha Christie. (di Silvia Mancinelli)

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *