Sdrammatizzare è la parola d’ordine. Ora più che mai il bisogno di leggerezza e umorismo procede a falcate nella vita quotidiana e l’arte si mette al servizio di questo bisogno, lo interpreta, lo trasforma in creatività, dalla tv al podcast, ai festival. Assodati ormai i trionfi dei film di Checco Zalone, rimasti però per anni solo un capitolo chiuso nella sfera dell’entertainment, ora si assiste ad un vero e proprio richiamo di massa per un genere che con intelligenza riesce a far sorridere in un periodo oggettivamente non semplice per nessuno, a partire dal caso mediatico e social di ‘Lol – chi ride è fuori’, la produzione Amazon Prime che grazie ad mix di nomi di richiamo, spontaneità e gag, ha registrato numeri record, diventando il titolo più visto di sempre della società di streaming e annunciando già la sua seconda stagione (‘So Lillo’ è da giorni il tormentone del web). 

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *