Sarà il turismo nautico una delle novità della 61esima edizione di TTG Travel Experience che si terrà a Rimini dal 9 all’11 ottobre prossimi. A questo la rassegna dedicherà un apposito focus.

In Italia sono presenti oltre 7.500 chilometri di costa e nel 2023 le prenotazioni sono salite del 130% rispetto al 2022, mentre la spesa media degli italiani nel comparto ha registrato un +53%, facendo della nautica da diporto una risorsa indispensabile per l’economia turistica nazionale. Le categorie coinvolte vanno dal charter nautico alle crociere, dai porti turistici ai parchi e riserve costiere, coinvolgendo anche skipper, corsi per barche da diporto, diving, escursioni in barca e associazioni di categoria.

Ma al prossimo TTG avrà una posizione di assoluto rilievo il turismo di lusso che in Italia rappresenta il 25% dell’indotto complessivo del turismo seppur a fronte di un 2% come presenze totali. A trainare il settore sono soprattutto le nuove generazioni, disposte a pagare fino al 50% in più per una proposta di qualità, personalizzata e alla scoperta di nuove mete. È questo il trend al centro delle analisi del Monitor di TTG Travel Experience. Da quanto emerso, nelle nuove generazioni si stanno affacciando due categorie sul mercato: i ‘luxury seekers’, ovvero chi è disposto a spendere in esperienze per mostrare il proprio benessere, e i ‘wellness worshippers’, ovvero chi mette al primo posto soprattutto le esperienze in mezzo alla natura.

La tendenza alla ricerca del lusso è stata confermata anche dal più recente studio di McKinsey & Company: nel 2024 i viaggi internazionali raggiungeranno la quota record di 9 miliardi di pernottamenti, certificando la piena ripresa dopo il -75% del 2020. E guardando al futuro, entro il 2028 è attesa una spesa di 391 miliardi di dollari (rispetto agli attuali 239) per il turismo di lusso, di cui 107 derivanti dalle nuove generazioni con un’ottima disponibilità economica, vale a dire con un reddito che va dai 100mila euro al milione di dollari. Una ricaduta importante anche per l’Italia, visto che in una ricerca di Deloitte presentata al TTG Day è emerso come gli hotel della penisola nel 2023 abbiano generato oltre 30 miliardi di fatturato, piazzandosi al primo posto in Europa davanti a Regno Unito (27) e Francia con 26 miliardi. Il turismo di lusso influenza anche gli investimenti alberghieri in Italia: su 1,5 miliardi spesi nel 2023, la metà si rivolge proprio al segmento luxury, in un trend destinato a crescere nel Paese che ha più strutture ricettive in Europa con 31.806 hotel rispetto ai 22.185 della Germania e i 18.067 della Francia. Più nello specifico, dal 2019 a oggi il settore lusso ha visto un incremento di 400 strutture per oltre 11mila camere.

«Il giorno prima della fiera, ovvero l’8 ottobre – afferma Gloria Armiri, Group Exhibition Manager Tourism & Hospitality Division di IEG – sarà organizzata al Grand Hotel di Rimini la seconda edizione di Luxury Event by TTG, un evento interamente dedicato al business dove i buyer italiani e internazionali potranno incontrarsi all’insegna di un lusso esclusivo ma sobrio, elegante ma nascosto, unico ma equilibrato». 

La 61esima edizione di TTG si svolgerà in contemporanea con InOut, l’appuntamento che con i suoi 4 settori (forniture e arredo, outdoor, materiali e rivestimenti, balneare) completa l’offerta per l’hôtellerie; proprio a InOut sarà conferito l’ADI InOut Hospitality Design Award, a premiare le migliori idee di prodotto o servizio per il mondo dell’ospitalità. «Il nuovo turista d’alta gamma cerca un ricordo indelebile, un racconto memorabile – conclude Armiri -. Esperienze straordinarie e uniche che i player italiani del lusso sono pronti a realizzare».



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *