Lumy non li abbandona un attimo, il cucciolo è l’unico sollievo per i due bambini nella camera dell’ospedale in cui sono ricoverati

Tragedia di Mestre

La triste storia del pullman di Mestre ha scosso in questi giorni l’Italia intera, una tragedia che insieme a tanta disperazione ha tuttavia fatto emergere anche storie diverse, storie di coraggio, storie di resilienza e storie d’amore incondizionato, come quello tra la cagnolina Lumy ed i suoi due padroncini Emilia ed Oliver che nell’incidente hanno perso la loro mamma.

È difficile metabolizzare l’orribile tragedia che ha colpito Mestre e l’Italia intera, tra i tanti morti l’unico bagliore di speranza è rappresentato proprio dalla storia dei due bambini tedeschi tirati fuori da un coraggioso passante insieme anche al loro cagnolino, che non li perde di vista nemmeno un momento nemmeno in questi giorni in cui i due sono ricoverati nell’ospedale di Ca’ Foncello a Treviso.

Lumy non li perde di vista, il racconto di chi ha visto la scena è straziante

Tragedia di Mestre

Alcune storie sono in grado di toccare in maniera particolare i cuori dei lettori e sicuramente quella di Lumy e dei suoi due fratellini umani è una di queste. Dopo che il pullman è precipitato dal cavalcavia, in mezzo al caos totale, un uomo coraggioso di nome Bujar Bucaj non ha avuto timore di gettarsi ad aiutare come poteva tirando fuori dalle lamiere i due fratellini tedeschi, insieme a lui sono intervenute anche altre persone, tra queste Boubacar Toure, gambiano di 27 anni che ha salvato anche il piccolo Lumy.

Purtroppo non c’è stato nulla da fare, invece, per Anne Eleven, 32enne madre dei due ragazzi, ed è per questo che in quella solitudine i due hanno avuto una sola figura a tenergli compagnia e non farli cadere nella disperazione più totale. Alcune immagini arrivate subito dopo l’incidente mostrano Oliver, il più grande dei due, seduto sull’asfalto con la sua cagnolina tra le braccia, una scena commovente che non è finita lì.

Vi aspettiamo sul nostro nuovo canale TELEGRAM con tanti consigli e novità

Con una deroga speciale, infatti, l’ospedale di Treviso ha concesso ai due bambini di poter tenere la loro cagnolina anche nella camera dell’ospedale in cui sono ricoverati, Emilia nella notte ha subito un’operazione all’anca ed il compagno della madre è intubato in una stanza vicina, per la piccola la figura di Lumy è dunque importantissima in un momento così delicato.

Tragedia di Mestre

La cagnolina non perde di vista la bambina, sul suo letto con la sua testolina appoggiata sulle braccia, una scena descritta proprio dall’imprenditore Kosovaro che li ha salvati e che ha potuto fare visita ai piccoli. Le ferite sulla pelle guariranno, questo è quello che dicono i medici, i segni di miglioramento sono evidenti ma certamente saranno da valutare anche i risvolti psicologici.

La storia di Mestre è stata un faro sotto molti aspetti, ci ricorda l’importanza della solidarietà, del coraggio e dell’amore incondizionato come quello tra un cane ed i suoi padroncini, un amore che sembra essere una delle medicine più importante per i due in questo momento difficile da superare.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *