Tommaso Zorzi ieri sera durante l’appuntamento TZ 101 all’interno del programma radiofonico Facciamo Finta Che di Maurizio Costanzo e Carlotta Quadri è tornato sullo scontro avuto con Mauro Coruzzi durante il Costanzo Show.

 

“Io non condivido nulla di quello che pensa Platinette su questo tema. La cosa che mi ha dato fastidio è stato il fatto di usare la F-Word perché non è che se lo sei puoi dirlo. E’ una parola che sarebbe ipocrita dire che tra membri della comunità LGBT non si usa, perché si usa, la regola però è che si può dire tra di noi, non in tv o sui social. Sono parole che è meglio che non passino dai mass media perché basta che lo dica una persona una volta perché poi l’imbecille di turno si senta legittimato a usarla. Se uno mi scrive fr**o sui social io non vado a vedere chi è, se è gay o non gay. Io lo posso denunciare per ingiuria. Come se non ci fossero sinonimi più carini. Solitamente è una parola che è talmente legata a un insulto che ce ne sono tante altre che uno può dire, tipo gay o omosessuale, che nessuno si è mai offeso”.

Tommaso Zorzi: “Se Platinette fa Platinette è perché c’è gente che prima di lei ha combattuto per i diritti”

Maurizio Costanzo a questo punto si è detto d’accordo con Tommaso Zorzi, che ha così continuato:

“Quello che mi dà fastidio è questo: che Platinette può fare Platinette oggi sul palco perché c’è gente che prima di lei ha combattuto per i diritti, ha combattuto perché un uomo possa vestirsi da donna, possa fare la drag queen, lo possa fare in televisione e possa essere riconosciuto come artista in quanto drag queen. Tu non puoi però approfittarti di queste battaglie per il semplice fatto di esistere, perché se esiste Platinette è perché qualcuno prima di lei le ha consentito di essere lì”.

E ancora:

“Altra cosa che mi ha dato un po’ fastidio è parlare di vittimismo della comunità. Anche perché dall’alto del nostro privilegio di vivere in centro a Milano, il ragazzino che è gay nella provincia siciliana ha ben altri problemi. Non è vittimismo. Non ci capiamo. E’ forse l’unica persona con cui nel backstage del Costanzo non ci salutiamo neanche”.

La trasmissione è finita con Maurizio Costanzo che ha invitato Platinette per “il diritto di replica”. Più che replica un personaggio come Platinette meriterebbe di essere dimenticato.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *