Il ricorso del governo contro l’ordinanza della Regione Piemonte per la verifica da parte delle scuole dell’effettiva misurazione della temperatura a casa agli studenti, come previsto dalla legge nazionale è improcedibile. Così il Tar del Piemonte ha pronunciato, questo pomeriggio, la sentenza. Il Tar, accogliendo le motivazioni del Piemonte, ha anche dichiarato il ricorso ’improcedibile’ dal momento che l’ordinanza impugnata è scaduta lo scorso 7 ottobre. Il provvedimento continua a essere in vigore essendo stato confermato con due nuove e successive ordinanze, l’ultima firmata proprio ieri dal presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio

Fonte