JEREZ – Nella fornace di Jerez de la Frontera, Jonathan Rea riscatta il secondo posto di Gara1, portando a casa la Tissot Superpole Race, piazzandosi così davanti a tutti in vista di Gara2. La race breve va, quindi, alla Kawasaki del britannico (alla 90^ vittoria nel WorldSBK) che scatta perfettamente dalla terza casella, va in testa e arriva davanti a tutti sulla linea del traguardo in una corsa resa interessante solo dalla lotta per il secondo posto tra la Ducati di Scott Redding e la Yamaha di Toprak Razgatlioglu. A tradire il turco, però, è stato l’ennesimo problema tecnico alla sua R1, lasciando il via libera al britannico che ha chiuso davanti all’olandese van der Mark.

Gerloff ottavo, un americano torna nelle prime tre file

In Gara 2, quindi, dalla prima fila partiranno Rea, Redding e van der Mark. Loris Baz (Ten Kate Racing Yamaha) e’ ancora una volta il migliore dei piloti indipendenti. Il francese porta a casa un quarto posto e partira’ davanti a Chaz Davies (Aruba.it Racing-Ducati) e Tom Sykes (Bmw Motorrad WorldSBK Team). Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) termina in settima posizione al termine di una bella rimonta e si mette alle spalle Garrett Gerloff (GRT Yamaha WorldSBK Junior Team); per la prima volta dal 2017 nel WorldSBK un pilota statunitense partira’ dalle prime tre file. L’ultimo era stato a Buriram nel 2017 in Gara 2 Nicky Hayden. Leon Haslam (Team HRC) chiude la zona punti della Superpole Race. Undicesimo Rinaldi, diciottesimo Melandri.



Fonte