170813.t.W320.H200.M4

Arrivano per lo più conferme nelle raccomandazione degli analisti su Stellantis, all’indomani dell’Investor Day del colosso italiano-francese del settore automotive, dove sono state confermate le previsioni per il 2024 ed è stato detto che nel 2025 punterà alla fascia alta della sua politica di distribuzione dei dividendi.

Tra le dichiarazioni più importanti del CEO Carlos Tavares c’è stata quella per cui le sinergie annuali dalla fusione FCA-PSA ammontano a 8,4 miliardi di euro contro i 4 miliardi al momento della creazione del nuovo gruppo. Inoltre, il manager ha detto che Stellantis si muoverà in modo aggressivo per tagliare i costi a fronte dell’intensificarsi della concorrenza da parte delle case automobilistiche cinesi, piuttosto che utilizzare una strategia “difensiva” basata sui dazi sulle importazioni di prodotti cinesi che i funzionari europei si apprestano a istituire in quella regione.

Oddo BHF mantiene il rating Outperform, con un target price invariato a 30 euro per azione. Secondo gli analisti, non sorprende che il management abbia posto grande enfasi sull’efficienza degli investimenti 30% rispetto ai concorrenti, che dovrebbe consentire alla casa automobilistica di finanziare completamente la sua trasformazione e posizionarsi tra i leader mondiali, anche in termini di tecnologia.

Stifel conferma il Buy con un target di 29 euro per azione. Secondo gli analisti, il 2024 è un anno di transizione, con un primo semestre visibilmente più difficile e un secondo semestre che mostra miglioramenti sequenziali con nuovi prodotti, una situazione delle scorte più sana e una riduzione dei costi.

UBS conferma il Buy con un prezzo obiettivo di 26 euro per azione, sottolineando che lo slancio dei prodotti e l’allocazione delle risorse superano bilanciano la riduzione delle scorte in Nord America.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *