Il delegato dei radiologi per le istituzioni sportive, ‘supporto strutturale e medico per presa in carico di persone e atleti anche in zone meno servite’

Squillaci (Sirm):

“Porteremo tecnologia e professionalità lì sul posto, per supportare il lavoro dello staff medico delle Olimpiadi. La parte educazionale consentirà, in questi anni che portano alle olimpiadi, e anche dopo, di creare dei corsi di preparazione per tutti quelli che hanno a che fare con gli atleti: medici di medicina generale, ortopedici, fisiatri, ma anche neurologi e medici che si occupano di patologia cardiovascolare”, per mettere a punto “le linee guida che servono per gestire, dal bambino che si fa male durante lo sport all’atleta di interesse nazionale o internazionale”. Così Ettore Squillaci, delegato Sirm per le Istituzioni sportive, all’Adnkronos, intervenendo questa mattina a Milano, nel corso del 51.esimo Congresso nazionale della Società italiana di radiologia medica e interventistica (Sirm), alla presentazione del percorso di un accordo quadro di cooperazione in vista delle olimpiadi Milano-Cortina 2026 tra la società scientifica e il Comitato olimpico nazionale italiano.

D’altra parte, poiché le Olimpiadi si svolgono “su un territorio vasto – aggiunge Squillaci – che riguarda non solo grandi città come Milano e Verona, che hanno ovviamente già strutture cliniche adeguate, ma anche per esempio a Livigno, che non ha ovviamente strutture sanitarie adeguate ad accogliere il grande numero di atleti, ma anche di persone che interverranno in quei giorni, la Sirm fornirà il supporto strutturale e clinico sia per i pazienti come il bambino che scivolerà sul ghiaccio e sbatte la testa che all’atleta nel terreno di gara”. L’attività sarà svolta congiuntamente “al Sistema sanitario nazionale – spiega l’esperto – per coprire e potenziare quelle esigenze relative ai due mesi di olimpiadi, che comprendono anche le paralimpiadi. Per la parte economica – conclude Squillaci – non ci sarà nessun tipo di aggravio per il contribuente né per il Ssn grazie al contributo delle aziende che parteciperanno.


Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *