“Alcuni punti della reazione di Spadafora alle parole di Bach sono assolutamente inaccettabili: ad esempio quando consiglia di leggere la legge. La legge che lui ritiene una grande legge ma Bach sarà aiutato, da me in particolare, a non leggere una legge di 120 pagine che tocca i veri problemi della governance del sistema sportivo italiano per il 10%. Penso che il ministro faccia male a pensare che sia una riforma dello sport, è una insalata. Cerca di toccare tanti tasti, molti marginali. Nella governance lui sta complicando le cose perché aggiunge Enti, Dipartimenti al Coni, ma di complicazioni ce ne sono già abbastanza, non è nella direzione giusta e quindi leggere la legge è uno sforzo inutile anche perché Bach è interessato solo alla governance”. Lo ha detto all’Adnkronos Francesco Ricci Bitti, presidente ASOIF, (Association of Summer Olympic International Federations), molto vicino al presidente del Cio, Thomas Bach e presente ieri a Imola alla conferenza stampa, in merito alla risposta del ministro dello sport Vincenzo Spadafora alle parole del numero uno dello sport olimpico.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *