In questi giorni i nostri parlamentari stanno discutendo, fra le varie cose, anche sulla legge contro l’omofobia e proprio durante l’ultimo dibattito Vittorio Sgarbi ha dato il peggio di sé ed è stato per questo motivo portato via con la forza, come successo lo scorso agosto.

Vittorio Sgarbi è stato espulso dalla Camera perché si è rifiutato di indossare correttamente la mascherina (obbligatoria in tutto Montecitorio) e quando il presidente Roberto Fico glielo ha fatto notare, Sgarbi ha sbottato dandogli del fascista e urlando frasi come “a morte l’ipocrisia” e “non riesco a parlare con la mascherina”.

Il risultato? L’ennesima ‘sgarbata’ degna di un reality show e non certo della Camera dei Deputati.

Al di là di Sgarbi per fortuna le votazioni sui vari articoli della legge contro l’omofobia continuano senza sosta e sono tutti favorevoli. Se tutto dovesse andare bene, come sottolineato da Alessandro Zan, entro martedì la Camera dovrebbe dare il suo benestare a questa legge.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *