La lunga marcia per la selezione dei brani del festival 2024 è iniziata e si concluderà con la finale di Sanremo Giovani il 20 dicembre

Amadeus
Amadeus

Amadeus ha già iniziato le sue sessioni di ascolto in cuffia dei moltissimi brani di artisti che si candidano a partecipare al Festival di Sanremo 2024, dal 6 al 10 febbraio. La lunga marcia della selezione dei brani è iniziata.

Tanti big interessati, ecco i nomi che circolano

Nell’assoluta assenza di conferme sulle candidature da parte di artisti e case discografiche, preoccupati che eventuali fughe di notizie possano influenzare negativamente le scelte di Amadeus, il quale ama annunciare in prima persona ogni notizia che riguarda i suoi festival, non mancano tanti e insistenti rumors. Un primo dato è quantitativo: secondo quanto apprende l’Adnkronos sono davvero moltissimi gli artisti che vorrebbero calcare il palco dell’Ariston in gara a febbraio e tra questi ci sarebbero anche dei Big insospettabili che solo qualche anno fa difficilmente avrebbero accettato di competere a Sanremo.

Girano per esempio insistentemente i nomi di Biagio Antonacci, Gianna Nannini e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro (quest’ultimo non è chiaro se solo come autore o se disposto alla gara con la band salentina), dell’astro nascente Angelina Mango, reduce da un’estate da record, di Daniele Silvestri, di Max Gazzè, di Irama e di Fred De Palma. Ma secondo i ben informati quest’anno sarebbe più facile elencare chi non ha mandato una o più proposte ad Amadeus di chi gliele ha mandate. Insomma, Sanremo 2024, dopo i risultati in termini di vendite e visibilità dei precedenti 4 festival di Amadeus è quanto mai ‘the place to be‘.

Le prossime tappe verso il Festival

Passando dall’incerto al certo, Amadeus ha delle scadenze precise, fissate già nel regolamento del festival. Il 15 ottobre scadono i termini per presentare le domande di partecipazione dei Giovani, che dovranno proporre due brani, uno per la gara dei Giovani, e un altro, in caso di podio, per la partecipazione al festival 2024.

Dei 26 artisti che saliranno sul palco a febbraio, 3 saranno infatti i primi classificati di Sanremo Giovani. Dal 15 ottobre, dunque, Amadeus, con l’ausilio della sua commissione musicale, comincerà a selezionare i Giovani che approderanno, dopo una prima scrematura, alle audizioni live (almeno 30 secondo quanto suggerisce il regolamento) e poi ne sceglierà 8 che, sommati ai 4 selezionati dal concorso Area Sanremo, diventeranno i 12 concorrenti che si sfideranno nella finale di Sanremo Giovani, fissata – a quanto apprende l’Adnkronos – per il 20 dicembre in prima serata su Rai1.

Per allora Amadeus avrà mandato l’invito anche ai 23 Big, che – recita il regolamento – “potranno essere resi noti sin dal giorno 1° dicembre 2023 attraverso comunicazione ai media”. Si capirà solo nelle prossime settimane se Amadeus sceglierà di annunciarne i nomi nelle prime settimane di dicembre, invitandoli poi a sfilare e a rivelare i nomi dei rispettivi brani in gara nella finale di Sanremo Giovani, come fatto lo scorso anno, o se sceglierà un nuovo ‘format’ per l’annuncio.

Intanto, c’è grande trepidazione tra gli addetti ai lavori anche per il ritorno della Sala Stampa all’Ariston Roof, dopo 3 anni di esilio al Casinò. In sala stampa, fra l’altro, come ipotizzato anche nel regolamento del festival 2024, potrebbero tenersi i sorteggi alla base di un’altra grande novità di questa edizione: nella seconda e terza serata si esibiranno solo la metà dei cantanti in gara ma a presentarli sul palco dell’Ariston saranno proprio i colleghi in gara non impegnati nella serata. “Sia nel corso della Seconda che della Terza Serata, i 13 Artisti la cui esibizione non è prevista parteciperanno ugualmente allo spettacolo televisivo per presentare ognuno l’esibizione di un altro tra i 13 Artisti impegnati in gara in Serata. L’associazione tra gli Artisti ‘presentatori’ e gli Artisti interpreti durante le due Serate avverrà con un sorteggio pubblico, che avrà luogo preferibilmente durante le conferenze stampa giornaliere previste nelle giornate del 7 e dell’8 febbraio 2023”, recita il regolamento. E sicuramente, visto il carattere competitivo della kermesse, questo aggiungerà sale allo spettacolo.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *