“In Europa 3 decessi ogni minuto – Evidente la correlazione con problemi ambientali e climatici, nuova Ue dovrà fare di più”

Sanità, Romizi (Isde):

“L’antimicrobico resistenza (Amr) è strettamente legata alla triplice crisi planetaria del cambiamento climatico, della perdita della biodiversità, dell’inquinamento e spreco, guidata dall’attività umana, dal consumo insostenibile e dai modelli di produzione. In Europa causa ogni anno 35mila morti, 3 ogni minuto, e l’Italia con i suoi 10mila decessi l’anno ha il primato in negativo. Nessun Paese Ue è messo peggio. Non solo. L’Oms elenca la Amr tra le 10 principali minacce per la salute globale. Nel 2019 quasi 5 milioni di decessi nel mondo sono stati associati all’antimicrobico resistenza. Il collegamento fra problematiche ambientali e antimicrobico resistenza è sempre più evidente. Il nuovo Parlamento Ue dovrà fare di più”. Lo ha detto il presidente dell’Associazione medici per l’ambiente (Isde Italia), Roberto Romizi, nel corso dell’evento promosso oggi da Isde Italia in occasione della 23.esima edizione delle Giornate italiane mediche dell’ambiente, presso l’Ufficio del Parlamento europeo in Italia a Roma.

“La cosa che colpisce è che in Italia, su 100.000 abitanti, abbiamo 1,7 morti evitabili per alcol, 6,2 per incidenti stradali, 32 per malattie cerebrovascolari e 18 per antimicrobico resistenza (dati Indice mortalità evitabile, www.mortalitaevitabile.it/index.php/it). Da qui la necessità di fare di più. Non c’è più tempo da perdere”, conclude.


Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *