ROMA – Sarà un’Italrugby molto “sperimentale” quella che sabato prossimo – ore 15 italiane, diretta RaiDue – affronterà l’Irlanda a Dublino nel primo dei 4 test-match di preparazione in vista dei mondiali giapponesi d’autunno. Senza Parisse, con un nuovo capitano (Budd) e la mediana delle Zebre, una terza linea inedita, l’esordio dal primo minuto di gioco del pilone Riccione e dalla panchina di Braley, il mediano di mischia arrivato da Gloucester. Sulla carta una Italia 2, con non più di un paio di atleti che potrebbero essere schierati nella squadra ideale in vista della Coppa del Mondo.

Una mediana targa Zebre

Per il trentunesimo confronto con i Verdi, il ct (irlandese) della Nazionale, Conor O’Shea, ha deciso di scommettere su Padovani nel ruolo di estremo, completando il triangolo allargato con le ali Bisegni e Esposito. Dopo la partita della scorsa primavera all’Olimpico con la Francia, per il centro Zanon sarà la seconda maglia azzurra da titolare. A fare reparto col giovane veneto di sarà l’esperto Benvenuti. In regìa l’apertura Canna e Palazzani, mediani anche della franchigia parmense.

Il ritorno di Licata e Minozzi

Il numero 8 sarà Tuivaiti, affiancato da Mbandà e Licata, che torna dopo un anno di stop. In seconda linea Budd, che indosserà la fascia da capitano, e il “centurione” Zanni. Davanti a tutti ci saranno Riccioni, a sinistra Quaglio e Fabiani nel ruolo di tallonatore. In panchina Federico Zani, anche lui al rientro, sarà utilizzato come numero 2. Si rivedono Lazzaroni, Giammarioli e Minozzi che potrebbe ritornare in campo dopo un anno dal suo infortunio occorsogli con la maglia delle Zebre in Guinness Pro14.  Possibile primo cap per Braley, inserito per la prima volta a lista gara da O’Shea.

O’Shea: “Una grande opportunità”

“Quella di sabato sarà una bella sfida. E’ una squadra molto forte che davanti al proprio pubblico vorrà fare una bella prestazione. Sarà una grande opportunità per mettersi in mostra per molti giocatori che vogliono conquistare un posto per il Mondiale. Non vedo l’ora di vedere in campo l’Italia e parte del lavoro che abbiamo fatto fino ad oggi” ha dichiarato il ct azzurro.

Irlanda: Larmour – Conway, Ringrose, Farrell, Kearney – Carbery, McGrath – Murphy, O’Donnell, Ruddock – Kleyn, Toner – Porter, Harry, McGrath. A disposizione: Scannell, Healy, Ryan, Henderson, Beirne, Marmion, Carty, Haley.
Italia: Padovani – Esposito, Benvenuti, Zanon, Bisegni – Canna, Palazzani – Tuivaiti, Mbandà, Licata – Budd, Zanni – Riccioni, Fabiani, Quaglio. A disposizione: Zani, Lovotti, Ferrari, Giammarioli, Braley, McKinley, Minozzi.
 

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.