Dopo una settimana di ricovero all’ospedale di Milano Fatebenefratelli, oggi pomeriggio Fedez farà ritorno a casa. Ieri Adnkronos ha fatto sapere che gli ultimi esami del rapper erano andati bene e che dopo ulteriori controlli sarebbe stato dimesso e così sarà. L’Ansa ha rivelato che i medici avrebbero deciso che Fedez può lasciare l’ospedale.

Fedez fa ritorno a casa dopo una settimana in ospedale.

“Fedez sarà dimesso nel pomeriggio dall’ospedale Fatebenefratelli di Milano dove era stato portato il 28 settembre per una emorragia causata da due ulcere intestinali. – si legge su l’Ansa – I valori del sangue del cantante, che nel marzo dello scorso anno era stato operato al San Raffaele per un tumore al pancreas, sono migliorati e quindi, si apprende da fonti sanitarie, può lasciare l’ospedale.

In attesa delle dimissioni, Fedez è con il padre, Franco Lucia, che lo ha raggiunto nel reparto di chirurgia d’emergenza. All’esterno del Fatebenefratelli ci sono alcuni fan ad attendere l’uscita del rapper ed è arrivata anche una coppia in costume, Babbo Natale e Mamma Natale, che hanno spiegato di essere lì in attesa di Fedez per potergli dare un biglietto”.

Secondo La Repubblica il cantante sarebbe già stato dimesso: “Dopo 8 giorni di ricovero Fedez è stato dimesso oggi dall’ospedale Fatebenefratelli di Milano. In attesa delle imminenti dimissioni, erano arrivati in ospedale Chiara Ferragni e il padre di Fedez, Franco Lucia. Reparto blindato per la ressa di curiosi che stazionava davanti all’ospedale“.

Le parole del chirurgo.

“Se l’ulcera anastomotica è una conseguenza frequente dell’intervento? Può capitare, è un evento relativamente raro. Si tratta di un’ulcerazione (una lesione della mucosa intestinale) che si forma in prossimità dell’anastomosi, ovvero dove noi chirurghi abbiamo “cucito”, suturato.

Come se ne accorge il paziente? Può manifestarsi con dolore addominale, difficoltà di alimentazione e, raramente, ematemesi (vomito di sangue) oppure melena”.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *