La consulenza informatica e l’autopsia: sono i due elementi che nelle prossime ore potrebbero portare alla svolta nelle indagini sull’omicidio di Daniele De Santis ed Eleonora Manta (lui arbitro di 33 anni, lei funzionario dell’Inps di 30), avvenuto la sera del 21 settembre in un’abitazione di via Montello a Lecce.

Nei telefoni dei due fidanzati potrebbe esserci il nome della persona che quella sera aveva un appuntamento con loro oppure quello dell’uomo che da qualche tempo faceva delle avances a Eleonora, che lei avrebbe nascosto al compagno. L’autopsia invece, potrebbe rivelare i resti biologici dell’assassino, considerato che entrambe le vittime hanno cercato di difendersi dalle numerose coltellate inferte.

“La furia di chi li ha colpiti è stata cieca – ha detto l’avvocato della famiglia De Santis, Mario Fazzini – I genitori, nonostante gli sforzi, non hanno trovato nel passato di Daniele elementi utili per spiegare un delitto così atroce. Era un ragazzo solare, trasparente, che conduceva una vita serena e senza ombre. E’ tutto talmente assurdo che non escludiamo neppure che possa essere stato il gesto di un folle”. Ovvero: tutto può essere accaduto.

Di certo, i parenti escludono che il delitto sia scaturito da problemi economici: “Sia Daniele che Eleonora erano due giovani con la testa sulle spalle, lavoravano, avevano l’indipendenza economica e conducevano una vita tranquilla, senza sperperi e inutili lussi”. La vita che la giovane donna postava regolarmente su Instagram, dove ha documentato i momenti più belli delle vacanze trascorse con il fidanzato e anche i piccoli lavori di ristrutturazione della casa di via Montello, in cui erano da poco andati ad abitare.

Altro movente che l’avvocato non reputa realistico è quello legato alla ristrutturazione dell’appartamento da poco conclusa, “perché la famiglia ne sarebbe stata a conoscenza”. Gli investigatori, dal canto loro, non escludono alcuna pista e attendono fiduciosi la consulenza informatica, che potrà rivelare i particolari nascosti nei telefoni. Compresi eventuali segreti cancellati, ove mai ce ne fossero.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *