La videochiamata choc tra Nina, Carlos e Fabrizio.

Domenica notte Fabrizio Corona ha fatto una diretta Instagram in cui ha detto cose davvero gravi su Nina Moric. L’ex re dei paparazzi ha dichiarato che suo figlio Carlos Maria gli avrebbe rivelato di aver trovato la madre per terra drogata e alcolizzata. La modella corata ieri sera ha replicato pubblicando una videochiamata agghiacciante tra lei e Carlos, in cui il ragazzino fa delle affermazioni molto pesanti sul conto del padre.

“Ho creato un casino, ma quello che avete sentito ieri è tutta una cavolata. Mio padre non ha il CoronaVirus, è tutto strumentalizzato per andare contro mia mamma. Io darei la vita per mia madre. Sono molto arrabbiato, mi verrebbe di prendere e ammazzare tutti, ma non lo faccio, non uccido nessuno. Non devo, io devo solo migliorare per fare del bene. Sono sotto cura di farmaci, ma non ho uno psichiatra. Se prendo psicofarmaci che non devo prendere? Sì, esatto, perché lui ha paura della verità. Non mi vuole dire la verità, è un falso e un bugiardo. Perché torno da lui ogni volta? Per pietà e perché voglio che cambi. Come mai ho detto che eri per terra fumata di canne? Per assecondare la sua verità, ma non lo farò mai più io adesso combatterò contro di loro.

Se mi ha minacciato o picchiato? Sì, certo. Io combatterò sempre contro di lui per cambiarlo. Se ha inventato che ha il CoronaVirus? Sì è così. […] Soprattutto Michelangelo è un bravissimo ragazzo, lo conoscerai è un mio amico e saprai presto la verità”.

Proprio quando Carlos nomina Michelangelo (che Fabrizio Corona a Live Non è la d’Urso ha definito “satanista”, “guerriero della luce”, che “ha circuito il figlio”), Nina Moric va nel panico e dice al ragazzo di stare lontano da questo uomo misterioso.

“Ma chi è questo Michelangelo? Carlos basta con questo Michelangelo. Non lo conosco e non voglio conoscerlo. Carlos basta con lui. […] Che Dio mi uccida se ti faccio del male, io non te lo farei mai. So che tu soffri insieme a me. L’unica cosa che posso fare è pubblicare questo video per far sapere la verità, perché sai figlio mio che io non andrò mai più in tv, ho chiuso con la televisione. Tu non devi avere più paura di Fabrizio Corona. Perché hai lasciato che parlasse dicendo quelle bugie?”.

La donna ha chiesto al figlio di andare nell’altra stanza, da suo padre per avvisarlo che sarebbe tornato a casa da lei. Durante questa parte di videochiamata la Moric si è rivolta al suo ex marito e l’ha accusato di aver picchiato Carlos, poi si è detta pronta a chiamare la Polizia.

“Carlos ha detto tutto, che non hai il CoronaVirus e che hai detto solo bugie in tv su di me. Ti devi vergognare. Sei la vergogna di questa vita, mi hai rovinato al vita rubandomi soldi, dignità e salute. Questo video sarà virale tra pochi minuti Non hai nessun virus e non sei un padre. Hai minacciato e picchiato tuo figlio. A tuo figlio hai rovinato la vita, vai ancora da Barbara d’Urso, con che coraggio. Il male che hai fatto a Carlos. Gli dai anche i farmaci, bugiardo, non ha psichiatri. Chiamo la Polizia se adesso ti vuole picchiare”.

Il video finisce con il 18enne che dice di voler andare via con questo Michelangelo, che – secondo Carlos – non è un satanista, ma un ragazzo che lo sta aiutando.

“Io vi voglio bene a tutti e due. Non voglio essere ricco, non voglio essere famoso e non voglio fare palestra. Ma tu papà cosa hai fatto? Io voglio solo essere tranquillo, andarmene da qui, in un altro paese. Voglio andarmene e stare con Michelangelo, che non è un satanista. Lui è una persona per bene. Cos’hai combinato papà? Ora non posso nemmeno più vederlo. Noi combatteremo per la verità, conflitto contro il padre. Combatterò contro di te. Non mi importa quante bastonate… Voglio anche che tu mi cancelli il profilo Instagram, voglio stare in un paese in cui non sono famoso”.

La situazione sarà anche drammatica, ma i social sono un posto giusto per questo tipo di filmati?

 

La videochiamata pubblicata da Nina Moric.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *