L’uomo si sarebbe occupato delle ricette mediche per il capomafia durante la sua latitanza

Il documento di Messina Denaro
Il documento di Messina Denaro

Andrea Bonafede, uno dei fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro di cui il boss aveva preso il nome nell’ultimo periodo della sua latitanza, è stato condannato con il rito abbreviato, a 6 anni e 8 mesi. Bonafede, di Campobello di Mazara (Trapani), era finito in carcere lo scorso febbraio scorso, dopo la cattura del boss.

Secondo il procuratore aggiunto Paolo Guido e i sostituti procuratori Pierangelo Padova e Gianluca De Leo, Bonafede si sarebbe occupato delle ricette mediche per il capomafia durante la sua latitanza per le cure oncologiche. La Procura aveva chiesto una condanna a 13 anni.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *