La serie dei giochi di calcio con protagonista Mario risale ai tempi del GameCube con Mario Strikers, del quale questo capitolo per Switch è il secondo seguito dopo uno su Wii. Anche questa volta lo sviluppo è stato affidato all’ottimo team Next Level Games, sviluppatori di Luigi’s Mansion 3. Le regole di Mario Strikers sono molto semplici: cinque contro cinque, i portieri vengono gestiti dal computer, e via di colpi speciali che includono davvero qualsiasi follia possiate aspettarvi dallo sport nel Regno dei Funghi. Mario Strikers è squisitamente arcade e pensato e per il multiplayer, con mosse speciali che possono ribaltare la situazione sul campo da un momento all’altro. Sul campo non ci sono arbitri, ma i power-up più famosi della serie di Mario. Uno di questi in particolare permette di eseguire gli ipertiri, le mosse più spettacolari del gioco. Ogni squadra può avere fino a quattro giocatori diversi, e ogni personaggio ha le sue caratteristiche peculiari.

Sebbene questo Mario Strikers sia giocabile in singolo, è il multiplayer il vero campo sul quale il titolo dà il meglio. Fino a otto giocatori in locale, sia con una console che con più schermi, oppure online uno contro uno o due contro due, senza dimenticare i tornei online e la struttura di gioco che, in genere, strizza l’occhio alla competizione in Rete. La modalità Club Striker, poi, permette di creare una squadra nella quale ogni giocatore ha un player particolare, per un massimo di 20 che possono così creare un clan con tanto di convocazioni per ogni partita ufficiale, con una struttura a stagioni. I personaggi sono in tutto dieci, meno dei capitoli precedenti, ma Nintendo ha già annunciato che verranno rilasciati dei contenuti gratuiti post lancio.

Come ogni gioco sportivo di Mario che si rispetti, anche Battle League Football è espressamente da consigliare a chi possa giocare in multiplayer con amici o famiglia. Giocando da soli il titolo non dà il massimo, e a meno che non ci si appassioni alle competizioni online il senso di sfida verrà presto meno. Inoltre, l’intelligenza artificiale non è il massimo, soprattutto nella reattività dei compagni mossi dalla CPU. Next Level Games avrebbe potuto includere più modalità e novità rispetto alla formula base. Più che buono il lavoro dal punto di vista tecnico invece, con un ottimo stile grafico e la fluidico a 60fps che rimane sempre molto stabile, anche nelle situazioni più concitate.

Formato: Switch Editore: Nintendo Sviluppatore: Next Level Games Voto: 7/10

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.