Dal momento in cui stava per morie al coma, il racconto di Manuel.

Manuel Bortuzzo incidente e coma

I ragazzi del GF Vip sono affascinati dalla forza di Manuel Bortuzzo e ieri gli hanno chiesto di raccontare la sua storia. Il nuotatore ha ricordato il giorno in cui due folli gli hanno sparato credendo fosse un altro.

“Il primo colpo non mi ha preso alle gambe o alla schiena, ma è entrato dal petto, ha spaccato due costole, ha perforato i polmoni. L’altro è passato a 12 millimetri dall’aorta addominale. Se l’avesse presa sarei andato via in pochi secondi. Tutto è successo in un Irish pub di Ostia. Non ho sentito male, è accaduto tutto così di colpo che all’inizio nemmeno capivo.

Nel pub dove siamo arrivati quella sera, siamo andati per berci una cosa dopo che avevamo finito un compleanno presto. Era un pub che stava sul secondo piano e c’era la scala a chiocciola e quando sono andati sotto quella scala la gente scendeva e ci diceva ‘scappate, andate via che è successo un caos’. Poi sembra ci fosse stata una specie di ‘guerra’ tra alcuni pugili e degli spacciatori’.

Io comunque dopo aver visto la gente fuggire sono andato dall’altra parte della strada, c’era pure la piazzetta in mezzo, era abbastanza lontano. La prima persona che hanno beccato ero io, hanno sparato alla prima persona che hanno beccato ero io che compravo le sigarette alla macchinetta di quella piazza”.

Manuel Bortuzzo, le ultime parole prima del buio.

“Non te ne rendi conto. Quando ti succede pensi davvero che sei morto. L’ultima cosa che ho detto alla mia ragazza che avevo conosciuto da qualche giorno era che l’amavo. L’ultima cosa che le ho detto è stata proprio “Ti amo” perché volevo che lo sapesse, poi ho perso conoscenza. – ha continuato Manuel Bortuzzo – Il mio corpo è rimasto 35 minuti per terra, mentre i miei amici e la mia fidanzata aspettavano l’ambulanza.

È giusto che la gente capisca che non tutto è immediato, uno deve metabolizzare e deve avere i suoi tempi per fare le cose. Più gli altri ti dicono che devi fare le cose più non le fai. La storia era bella, sarei potuto andare adesso a Tokyo, vincere le Paralimpiadi. Non lo volevo fare. Adesso, da solo, sono tornato in acqua e probabilmente farò Parigi 2024”.

Quello che ha visto durante il coma.

“In coma facevo questa sorta di sogno in cui ero stato rapito. Ero convinto che fossi chiuso e senza cellulare. Vedevo delle persone che mi passavano davanti e non mi calcolavano, nonostante io chiedessi aiuto. C’era un bagno di lusso davanti a me e poi delle scale. Poi vedevo spesso un uomo che avvitava lampadine. Continuano a dire “è un sogno, mi sveglio e finirà tutto, ma non finiva mai”. Il coma dopo era indotto. Ho rischiato di morire, ho perso molto sangue. L’operazione è durata 15 ore, mi hanno tolto anche una parte di polmone. La seconda operazione è stata per l’estrazione del proiettile”.

Alfonso ha detto che in questo GF Vip ci sarebbero stati diversi concorrenti con delle storie particolari da raccontare e sicuramente Manuel Bortuzzo è uno di questi.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *