In attesa di scoprire quali saranno i prossimi palinsesti Rai 2024-2025, Davide Maggio ha confermato che il programma di Serena Bortone, CheSarà, non sarà riconfermato.

Le note vicende che hanno portato allo scontro Serene Bortone con i piani alti di Viale Mazzini hanno avuto delle conseguenze: il programma dell’access prime time del weekend non sarà riconfermato. Ma chi ci sarà al suo posto?”. A fare il nome della papabile sostituta è stato sempre lui che ha avanzato l’ipotesi di Maria Latella, giornalista di SkyTg24. Per lei sarebbe un ritorno in Rai dove ha già condotto talk politici alla fine degli anni ’90, dal 2005, invece, è alla guida del telegiornale di Sky.

E Serena Bortone? Per Maggio resta un mistero ma scrive: “tornando alla Bortone, la Rai dovrebbe ricollocarla altrove“. A parlare del futuro lavorativo della conduttrice anche TvBlog che ha sottolineato come lei abbia un contratto con la Rai a tempo indeterminato in qualità di caporedattrice. “Per Serena Bortone, che è caporedattore Rai con contratto a tempo indeterminato, si apriranno altre porte televisive che le permetteranno di tornare in video presso la tv pubblica? Oppure si accaserà altrove? Il mercato televisivo -pare- chiuso, ma forse qualche porta non è stata ancora chiusa a chiave“.

Serena Bortone resterà in Rai anche nel 2025?

Quale sarà il futuro lavorativo di Serena Bortone dopo la chiusura di CheSarà? Resterà in Rai? Traslocherà in Mediaset? Debutterà sul Nove? O si prenderà un anno di pausa? Avendo come contratto quello di caporedattrice potrebbe anche restare in Rai a lavorare dietro le quinte. Lo scopriremo nei prossimi mesi.

I saluti finali di Serena Bortone a CheSarà sembrano un addio alla Rai

“Sono stata onorata di lavorare con voi in questa nostra, grande azienda di servizio pubblico. Ringrazio voi a casa, telespettatrici e telespettatori, che ci avete seguito e supportato e che siete cresciuti puntata dopo puntata. Grazie dell’affetto e del sostegno. Vi auguro una buona estate e soprattutto, di cuore, buon vento!“.

 



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *