Se all’interno di una coppia, uno dei due soffre di ipertensione anche il partner farebbe bene a tenere sotto controllo la sua pressione: secondo uno studio coordinato dalla University of Michigan e pubblicato sul Journal of the American Heart Association, infatti, in molti casi la pressione alta è un problema di coppia. L’idea che i partner condividano alcuni tratti di salute è da tempo oggetto di studio. Ma, nel caso  dell’ipertensione, fino a oggi la ricerca non aveva prodotto risultati significativi.

Analizzate 34mila coppie

Il nuovo studio ha analizzato i dati di circa 34mila coppie residenti in Usa, Inghilterra, Cina e India scoprendo, invece, che il fenomeno esiste, è molto frequente ed è diffuso a tutte le latitudini. Secondo la ricerca, infatti, l’ipertensione è  presente in entrambi i membri della coppia nel 37,9% dei casi negli Usa, nel 47,1% in Inghilterra, nel 20,8% in Cina e nel 19,8% in India. Non solo: per una donna sposata con un uomo con la pressione alta le probabilità di soffrirne a sua volta sono del 9% più alte se vive in Usa o Inghilterra, del 20% in più se si trova in Cina, del 19% in India. Lo stesso vale se si invertono i generi.

Creare uno strumento per gestire l’ipertensione di coppia

Per i ricercatori, la scoperta rappresenta un’opportunità per mettere a punto interventi per l’identificazione e la gestione dell’ipertensione a livello di coppia. “Apportare cambiamenti allo stile di vita, come essere più attivi, ridurre lo stress o seguire una dieta più sana, può ridurre la pressione sanguigna. Tuttavia, questi cambiamenti potrebbero essere difficili da ottenere e da sostenere se il tuo coniuge o partner non stanno apportando cambiamenti con te”, spiega in una nota Bethany Barone Gibbs, membro dell’American Heart Association. Lo studio, dunque, offre una ragione in più per impegnarsi insieme.

 

 



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *