“Il nostro progetto parte dal presupposto che occorre cambiare completamente la prospettiva. Negli ultimi 20 anni abbiamo puntato quasi esclusivamente sull’Alto Livello e questo ha intaccato pesantemente le risorse federali, per cui al tessuto dei club è mancato ossigeno per andare avanti. Visto che i risultati sportivi non ci sono stati, vogliamo cambiare visione, continuando a lavorare sull’Alto Livello ma tornando anche a lavorare con i territori e con i club, potenziando gli organi territoriali sia come risorse umane che finanziarie. Questo comporta una ristrutturazione delle attuali voci di spesa, in particolare quelle relative alla nostra partecipazione al Pro14, e una riforma importante dei campionati, che nel nostro progetto prevede la costituzione di un campionato professionistico nazionale in stile Nba, denominato Super Lega”. Così Marzio Innocenti, 62enne medico livornese trapiantato a Padova, candidato alla presidenza della Fir, da otto anni alla guida del Comitato Regionale Veneto, parla all’Adnkronos del suo progetto per la nuova Federugby.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *