La tragedia più grave a Monteforte Irpino, dove un bus di pellegrini è caduto dal viadotto Acqualonga provocando 40 morti

Incidente al bus di Mestre - (Afp)
Incidente al bus di Mestre – (Afp)

Quello di Mestre è l’ultimo incidente che ha visto un bus precipitare da un cavalcavia. Ventuno i morti, decine i feriti. La memoria torna esattamente a dieci anni fa, il 28 luglio 2013, quando quaranta persone morirono in un pullman precipitato per quaranta metri dal viadotto Acqualonga sull’autostrada A16, a Monteforte Irpino.

Il 16 febbraio 2010 un autobus francese in gita scolastica in Italia finì la sua corsa in una scarpata vicino a Massa: a perdere la vita furono l’autista, una maestra e un bambino, una decina i feriti. E ancora. Il 19 gennaio 2009 un pullman di linea che trasportava una sessantina di studenti delle scuole superiori esce di strada a una curva della Castiglionese, a Fermo, precipitando in una scarpata: non ci furono vittime, ma in 35 rimasero feriti. A Roma tre anni prima, il 7 febbraio 2006, un bus di agenti commerciali turchi volò giù da un muretto sulla Trionfale schiantandosi in un giardino privato. Morirono in dodici, venti i feriti.

Più indietro nel tempo, come riporta il sito dell’Asaps, il 26 novembre 1995, un pullman precipitò in una scarpata sulla provinciale tra Assoro e Leonforte, a Enna. Dieci morti e 38 feriti. Infine, il 6 luglio 1993, sulla statale 244, in Val Badia, vicino a Brunico, un pullman carico di turisti provenienti da Orvieto si scontrò con una Bmw per poi precipitare nella scarpata: morirono in 18, 22 i feriti.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *