La data del test pilota all’aperto c’è: sabato 5 giugno al Praia di Gallipoli, una delle discoteche più frequentate del Salento, 2mila persone torneranno a ballare per la prima volta dopo quasi un anno di stop alle piste deciso dal governo.

L’esperimento, sulla falsariga di quelli già compiuti in Spagna, Olanda e Regno Unito, è stato annunciato da Maurizio Pasca, l’imprenditore salentino a capo del Silb-Fipe, sindacato che raccoglie le principali imprese del settore. Obiettivo: verificare le condizioni per la riapertura delle discoteche.

Due i locali scelti: per il test al chiuso è stato indicato il Fabrique di Milano. In entrambi i casi, però, potranno accedere al soltanto persone munite di green pass, le stesse che all’uscita dovranno sottoporsi ad un nuovo tampone. “Abbiamo l’autorizzazione della Regione Puglia”, spiega Pasca. L’iniziativa arriva dopo che il Silb-Fipe, in collaborazione con alcuni virologi, aveva messo su un protocollo con le regole che locali e clienti dovranno seguire, se Palazzo Chigi darà il via libera alle riaperture.

Perché questo accada, Pasca si spinge oltre: “Al governo e al commmissario all’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo“, offriamo la nostra disponibilità a organizzare open day per i vaccini anche nelle discoteche in vista di eventi estivi, affinché nella campagna di vaccini possano essere raggiunti sempre più giovani”.

E ancora: “Serviranno gazebo e spazi esterni, ma se il governo lo ritenesse opportuno ne potremmo discutere. Noi siamo disponibili: prima si vaccinano tutti, prima si torna alla normalità, Ognuno deve dare il suo contributo”, aggiunge l’imprenditore pugliese.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *