L’Istituto Friedman plaude alle affermazioni del procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho che nei giorni scorsi ha criticato le tesi proibizioniste nel settore del gioco. ‘Intervenire vietando di fatto di giocare legalmente -ha detto De Raho- per un verso non garantisce una libertà che deve essere comunque rispettata, per l’altro spalanca praterie per il gioco illegale. La repressione deve riguardare l’illegalità, e in proposito la politica dovrebbe intervenire dotando le Forze dell’ordine e gli inquirenti di strumenti più avanzati. Una cosa è certa: il proibizionismo, in questo come in altri settori, ha sempre dimostrato di non essere una soluzione'”.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.