Nell’emergenza coronavirus “la Lombardia è stata colpita da una bomba atomica e tutti hanno fatto errori, a partire dal governo”, ma il modello sanitario della regione “è stato profondamente cambiato dalla giunta successiva”, quella di Roberto Maroni. Lo afferma l’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, intervistato dal Corriere della Sera e autorizzato dal magistrato di sorveglianza, perché sta scontando ai domiciliari la condanna per corruzione a 5 anni e 10 mesi per vicende legate alla sanità. “Noi rafforzavamo il ruolo dei medici sul territorio, firmando numerosi accordi con loro e favorendone l’associazionismo soprattutto nelle grandi città, perché dieci medici che lavorano insieme e hanno migliaia di assistiti si accorgono molto prima dell’insorgenza di una pandemia”.

Fonte