“Il fatto che Pahor per la prima volta nella storia abbia omaggiato i morti delle Foibe è un segno simbolico positivo. Tuttavia, la mia preoccupazione e le mie perplessità riguardano le celebrazioni che prevedono degli scambi. Ovvero, il presidente della Slovenia onora i nostri morti infoibati e Mattarella allo stesso tempo onora 4 terroristi sloveni. Ma come si fanno a paragonare le due cose?”. Così all’Adnkronos Carla Cace, rappresentante dell’Associazione Nazionale Dalmata e Comitato 10 Febbraio, commenta l’incontro tra il presidente Mattarella e il presidente sloveno Pahor, che si sono dati la mano davanti la foiba di Basovizza, deponendo una corona di fiori.

Fonte