Da quando Fedez ha inchiodato alcuni leghisti in diretta al Concertone del Primo Maggio questi ultimi, invece di assumersi le proprie responsabilità, hanno fatto quello che gli è sempre riuscito meglio: buttare fumo negli occhi al proprio elettorato e fare caciara per distogliergli dal vero problema: la loro folle omofobia.

Dopo aver ritirato fuori un presunto testo omofobo cantato da Fedez nel 2013 (anche se la realtà non è come sembra, ovviamente), i leghisti sono andati a scovare anche un pezzo scritto da Fedez nel 2009 e pubblicato nel mixtape BCPT nel 2010.

Il pezzo in questione si chiama Blasfemia e fra le varie barre controverse ce n’è anche una su Barbara d’Urso:

“Ti dò mezza busta se mi fai un mezzo busto,
Te la dò tutta se ammazzi Barbara d‘Urso
Perché io non posso ancora concedermi questo lusso”.

Fedez, Barbara d’Urso risponde alla barra contro di lei

Una frase che risale a circa 12 anni fa e di cui Barbara d’Urso era già a conoscenza. Riportata a galla da Il Giornale, la d’Urso l’ha così commentata in diretta a Pomeriggio Cinque:

“Io trovo meraviglioso il fatto che lui abbia riconosciuto e si sia scusato. Io ho sempre volato alto e nonostante questo, di cui ero a conoscenza, io ho sempre fatto mille applausi in diretta a Fedez per il suo impegno e per qualunque cosa lui e sua moglie abbia fatto di positivo. Io non porto rancore, va benissimo così. Perché anche se hai sbagliato contro di me, augurandomi di essere uccisa ironicamente o no, non ha importanza, quando però tu cambi e fai delle cose belle per la gente, io sono la prima a dire bravo Fedez”.

 

Un minuto di silenzio per tutti i leghisti che sono andati a riascoldarsi questo mixtape pur di trovare qualcosa da rinfacciare a Fedez.





Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *