“Per i giovani l’Europa è una realtà vissuta, soprattutto per i giovani nati negli ultimi 20 anni che si muovono liberamente per studiare, per turismo, per lavoro. Si può dire che i giovani sono naturalmente europeisti, anche se poi c’è da chiedersi se questa realtà così intensamente praticata sia anche amata, perché in realtà l’Europa politica, come concetto unico, non esiste ancora”. Lo dice ad Adnkronos/Labitalia il sociologo Giuseppe Roma, per molti anni direttore generale del Censis nonché attuale presidente e segretario generale di Rur (Rete urbana delle rappresentanze, Centro di ricerca economica e territoriale, attivo da quasi 30 anni).

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *