Spalletti: “Poteva andare meglio”. Gli azzurri debuttano il 15 giugno contro l’Albania

Luciano Spalletti
Luciano Spalletti

L’Italia è inserita nel Gruppo di Euro 2024 con Spagna, Croazia e Albania. Lo hanno stabilito i sorteggi effettuati oggi a Amburgo.

Il torneo in programma in Germania si aprirà il 14 giugno a Monaco di Baviera con il match Germania-Scozia. La Nazionale azzurra del ct Luciano Spalletti debutterà il 15 giugno a Dortmund contro l’Albania.

L’Italia tornerà in campo il 20 giugno a Gelsenkirchen contro la Spagna, per chiudere girone il 24 giugno a Lipsia con la Croazia.

Alla fase finale del torneo, in programma dal 14 giugno al 14 luglio, parteciperanno 24 squadre divise in 6 gironi. Agli ottavi di finale passano le prime 2 di ogni gruppo e le 4 migliori terze. Il quadro delle partecipanti è quasi completo: sono già qualificate 21 squadre, le ultime 3 verranno definite dai playoff che si giocano a marzo 2024.

I gruppi:

Gruppo A – Germania, Scozia, Ungheria, Svizzera;

Gruppo B: Spagna, Croazia, Albania, Italia;

Gruppo C: Slovenia, Danimarca, Inghilterra, Serbia;

Gruppo D: Olanda, Austria, Francia, vincitrice playoff A (Polonia, Galles, Finlandia, Estonia);

Gruppo E: Belgio, Slovacchia, Romania, vincitrice playoff B (Israele, Bosnia, Ucraina, Islanda);

Gruppo F: Turchia, Portogallo, Repubblica Ceca, vincitrice playoff C (Georgia, Grecia, Kazakistan, Lussemburgo).

Spalletti: “Sorteggio poteva andare meglio”

“Qui tutto bellissimo, forse poteva andare meglio il sorteggio ma noi ci arriviamo con l’umiltà e la consapevolezza di dover fare dei passi veloci. Abbiamo diverse squadre davanti, ma siamo l’Italia e dobbiamo avere orgoglio e forza mentale per confrontarci con tutti”. Così il ct dell’Italia Luciano Spalletti, commenta i sorteggi. “Avere una squadra compatta e che gioca un calcio che tutti all’interno riconoscono è fondamentale -aggiunge Spalletti-. Non penso a un calcio speculativo, perché non mi piace e penso all’importanza e alla passione che ci coinvolge e che ci porta ad affrontare l’impegno in un certo modo. Abbiamo le potenzialità per una crescita importante. Bisogna vedere come ci arriviamo perché manca ancora tanto tempo. Ho conosciuto giocatori che hanno la possibilità e possono far vedere di essere al livello del girone che ci è capitato”.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *