proteggi truffe online diffuse attenzione v4 727741

Il boom delle truffe telefoniche per contratti luce e gas non sta di certo passando inosservato, ma purtroppo sono varie le tipologie di truffe online a risultare particolarmente diffuse.

Ci hanno pensato gli esperti di sicurezza di Kaspersky a stilare una “classifica” di quelle che rappresentano le principali cyberminacce diffuse mezzo Web. Di seguito la lista, utile anche per sapere a cosa prestare attenzione.

Le 6 tipologie di truffe online più diffuse secondo Kaspersky

  • Offerte di lavoro truffa: le false proposte lavorative si stanno purtroppo diffondendo a macchia d’olio. Usualmente si tratta di offerte “troppo belle per essere vere”, portate avanti mediante e-mail o messaggi WhatsApp. Per maggiori dettagli, potete consultare l’approfondimento su come difendersi dal task scam.
  • Truffe del beneficiario: i malintenzionati cercano di far credere all’ignara vittima che ci sia urgente necessità di trasferire del denaro e offrono una “ricompensa” per l’aiuto. Una delle varianti più conosciute è quella del “principe nigeriano” che, guarda caso, non sembra riuscire a sbloccare un ingente conto in banca. Esistono tuttavia diverse varianti, comprese quelle che fanno riferimento a “uomini d’affari” o cercano di sfruttare nomi di personaggi noti.
  • Lotterie truffa: un nome, un programma. I truffatori cercano di convincere le vittime di aver vinto un qualche tipo di premio, chiedendo però dati sensibili per riscattarlo.
  • Scam degli appuntamenti online: fare leva sui sentimenti altrui risulta purtroppo uno dei metodi più utilizzati dai truffatori. In queste false relazioni online si cerca di ottenere soldi dall’ignara vittima, spesso cercando di suscitare forti emozioni in poco tempo. Un esempio clamoroso? Potreste voler dare un’occhiata allo scam amoroso del falso astronauta.
  • Truffe di “riparazione”: i malintenzionati si fingono esperti di computer, spacciandosi a volte per grandi aziende del mondo Tech, facendo credere alle vittime di avere la soluzione a tutti i problemi relativi alla vita digitale, che si tratti di una connessione a Internet lenta o di tempi di caricamento eccessivi. Peccato che ciò che avviene dietro le quinte è l’installazione di un malware che garantisce il complesso accesso da remoto alla macchina.
  • Truffe relative alla beneficenza: i truffatori cercano di capitalizzare sul “buon cuore” delle vittime, provando persino a inserirsi nella scia di catastrofi realmente accadute. I malintenzionati usualmente realizzano siti e conti falsi per cercare di convincere le vittime a “donare”, intascandosi poi i soldi. Anche in campo di beneficenza, insomma, è bene verificare la serietà dell’interlocutore.

Vi interessa approfondire ulteriormente l’argomento? Dare un’occhiata alla guida per evitare le truffe online in 5 punti potrebbe fare al caso vostro.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *