“Diciamo che i contributi sono pochissima cosa rispetto ai costi fissi che una azienda come la mia ha giornalmente. Inoltre, è bene evidenziare che noi ristoratori abbiamo oggi da saldare i costi del mese scorso e di quando siamo stati totalmente chiusi durante il lockdown primaverile. A noi interessa lavorare, noi vogliamo fare lavorare i nostri dipendenti e dare da mangiare ai nostri clienti. E poi pagare dipendenti e fornitori. Questo mi interessa e questo però non posso fare”. Così lo chef Filippo La Mantia, intervenendo alla trasmissione ‘Diciottominuti-uno sguardo sull’attualità’, in onda sul sito e sulle pagine social dei consulenti del lavoro, commenta le misure approntate dal governo con il dl ristori per i settori interessati dalle restrizioni.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *