MILANO. Le big del calcio italiano fanno fronte comune sulle offerte dei fondi di private equity per la Serie A. È infatti andato in scena un vertice tra Milan, Inter e Juventus, riunite a Casa Milan per analizzare le proposte delle due cordate rimaste in corsa che puntano alla quota di minoranza della media company di Lega. Nel summit i tre club hanno approfondito le offerte arrivate alla Serie A: nelle ultime riunioni con i fondi di private equity era stata infatti lasciata la possibilità ai club di organizzare incontri direttamente con le due cordate, nel caso in cui ci fossero degli aspetti da chiarire.

Paolo Scaroni e Ivan Gazidis (presidente e ad del Milan), Steven Zhang e Alessandro Antonello (presidente e ad dell’Inter) e Andrea Agnelli (presidente della Juventus) sono entrati nel dettaglio delle due proposte, quella delle cordata Cvc-Advent-Fsi da 1,625 miliardi e quella di Bain-Nb da 1,35 miliardi. Entrambe entrerebbero nell’azionariato della nuova media company con il 10% delle quote: rimane tuttavia ancora da decidere come verrebbe poi utilizzata la cifra, se suddivisa tra i club (come teme la Serie B, tema sottolineato anche dall’ad del Monza Adriano Galliani) o se per sviluppare i progetti come quelli relativi ai diritti tv.

Le tre big sembrano così allineate sul via libera ai fondi ma è ancora presto, tuttavia, per prendere una decisione su quale delle due offerte scegliere. Entro il prossimo 2 ottobre la Lega Serie A attende le proposte definitive da parte delle due cordate: poi i club avranno una settimana per analizzarle, fino all’assemblea prevista ad oggi per il 9 ottobre in cui le società si pronunceranno su quale offerta scegliere.

Fonte