Omicron 5 corre, i contagi Covid aumentano e a far da ‘specchio’ a questo trend ci sono anche le fogne: “L’andamento nazionale delle concentrazioni di Sars-CoV-2 nelle acque reflue ha mostrato un ‘pericoloso aumento’ (>30%) nelle settimane 24 e 25 del 2022 (periodo 13-26 giugno), rispetto alle settimane precedenti. La stessa tendenza all’aumento è stata documentata nella maggior parte delle regioni/province autonome”. E’ quanto si legge nell’ultimo bollettino Iss sulla sorveglianza del coronavirus pandemico nelle acque di scarico.

L’analisi è stata effettuata dal network nazionale di sorveglianza ambientale di Sars-CoV-2 su campioni di acque reflue raccolti in 20 regioni/pa. “Alla settimana 25 (26 giugno) – riporta l’Istituto superiore di sanità – sono stati prelevati in totale 6.475 campioni”, di cui “6.451 sono stati analizzati per Sars-CoV-2 e l’87,2% era positivo”, con punte del 100% in Umbria e nella Pa di Bolzano, di oltre il 99% nella Pa di Trento e del 98% o più in Calabria e Veneto. Sopra il 90% anche Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta.

“L’incremento delle concentrazioni virali nelle acque reflue – commenta l’Iss – è in linea con l’aumento dei casi osservato in quasi tutte le regioni, trainato dalla diffusione della sottovariante Omicron BA.5”.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.