Il coronavirus Sars-CoV-2 “è sempre quello, non è diventato più buono. E’ il virus più infettivo che abbia mai visto e sembra fatto per restare, da un punto di vista biologico. Dati alla mano, la nostra ricerca mostra che la sua variabilità è scarsa. Quindi questo ci fa pensare che il virus abbia mantenuto la sua infettività e patogenicità e non è vero che ha perso potenza. Ha perso potenza la malattia, questo sì, ma non il virus”. A spiegarlo è stato il virologo Carlo Federico Perno, già direttore della Medicina di laboratorio dell’ospedale Niguarda di Milano, oggi nel capoluogo lombardo a margine della presentazione dello studio condotto con il Policlinico San Matteo di Pavia e promosso da Fondazione Cariplo.

Fonte