Scoperto  un focolaio Covid di 97 positivi in un’azienda agricola del mantovano, grazie ad un opera di screening dell’azienda sanitaria dlela Valpadana messa in allerta da un medico di base. “Tre pazienti  mostravano sintomi lievi, gli altri sono tutti asintomatici” ha detto l’assessore al Welfare della regione Lombardia Giulio Gallera. Un medico ha segnalato un paziente con la febbre, il tampone ha dato esito positivo e cosi si è cercato di identificare tutti i contatti familiari e lavorativi. Scoperto che l’uomo lavora in uno stabilimento del settore agricolo nel mantovano, sono stati quindi allertati il proprietario della ditta e il medico competente per organizzare uno screening ‘a tappeto’ con tampone nasofaringeo su tutti i lavoratori impiegati nello stabilimento. Sono stati sottoposti al tampone 250 dipendenti. L’analisi su 172 lavoratori ha evidenziato la positività di 96 soggetti, oltre al caso ‘indice’ che aveva dato origine all’indagine.L’attività di screening proseguirà. Sono stati disposti interventi di sanificazione straordinaria di tutti i locali, da ripetere anche nei prossimi giorni.

 



Fonte