Con lo sblocco dei licenziamenti più del 10% dei posti di lavoro delle pmi rischia di andare in fumo. E va peggio, però, nel lavoro autonomo, dove l’urto della crisi sembra aver inciso fino ad oggi in maniera più incisiva. Il comparto potrebbe arrivare a perdere infatti fino al 14% della base occupazionale per effetto della pandemia. E’ quanto emerge dal secondo Rapporto di monitoraggio sulla crisi da Covid-19 elaborato dalla Fondazione studi consulenti del lavoro a partire dalle risposte di una base di oltre 3mila iscritti all’ordine, che dall’inizio dell’emergenza stanno assistendo imprese per lo più di medie e piccole dimensioni e lavoratori nelle loro attività, a partire dal supporto nell’accesso agli strumenti di sostegno al reddito.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *