Il concetto di workation si sposa bene con la settimana bianca: così chi è in smart working può godersi la vacanza sulla neve combinando lavoro e piacere. Ovviamente, questa idea si può applicare durante tutto l’anno!

Non tutti possono “staccare” completamente dal lavoro per un’intera settimana di ferie. Tuttavia, fare qualche giorno di vacanza armonizzando momenti lavorativi può essere allettante. L’idea di combinare lavoro e piacere, soprattutto quando si tratta di concedersi giorni sulla neve, prende forma nel concetto di workation, una pratica che sta guadagnando popolarità con la creazione di strutture dedicate a chi desidera lavorare a distanza. Andiamo a scoprire maggiori dettagli.

Workation: cos’è e come funziona

Febbraio, con le sue giornate che si allungano e il sole che illumina piste sciistiche perfettamente innevate, è il momento ideale per le vacanze sulla neve. Tuttavia, per molti italiani, prendersi una pausa dal lavoro per un’intera settimana è diventato un lusso, con le destinazioni sciistiche frequentate sempre più da turisti stranieri abituati a interrompere il lavoro durante l’inverno.

Uno degli effetti collaterali positivi lasciati dall’epidemia di Covid è stata la scoperta della workation (unione delle parole inglesi “work“, lavoro, e “vacation“, vacanza), una fusione tra lavoro e tempo libero che sfrutta la flessibilità dello smart working. Con l’avvento del telelavoro, reso norma da molte aziende nel post-Covid per sfruttare la tecnologia digitale, questa modalità lavorativa è diventata un’opzione praticabile per numerosi lavoratori in Italia, specialmente per coloro che operano in contesti d’ufficio.

Il grande vantaggio del lavoro a distanza è la libertà di operare da quasi ogni luogo, a patto di avere una connessione internet affidabile. Anche se non è sempre possibile allontanarsi da casa o dall’ufficio per lunghi periodi, è fattibile trovare un equilibrio tra doveri professionali e relax per qualche giorno, approfittando della crescente offerta di hotel e residence che offrono servizi ad hoc per il workation.

L’Alto Adige è una delle mete ideali

L’Alto Adige si posiziona all’avanguardia nell’esplorare nuove tendenze turistiche (pensiamo alla Spa capovolta vicino Plan de Corones), ed è indubbiamente una meta ideale per le workation.

Per prima cosa, questa regione offre paesaggi montani spettacolari, laghi cristallini e una natura incontaminata. Tanti sono gli impianti sciistici ma anche i borghi da visitare. Non mancano poi opportunità per attività ricreative all’aperto anche estive, come sentieri per trekking, mountain bike o arrampicata.

Poi, le infrastrutture digitali locali sono generalmente ben sviluppate, garantendo una copertura internet affidabile anche fuori dalle città principali. Questo è essenziale per chi lavora da remoto.

In altre parole, c’è tutto ciò che serve per un soggiorno che coniuga lavoro e tempo libero.

Proprio in Trentino Alto Adige stanno nascendo strutture pensate per le workation. Alcuni esempi sono l’AMA Stay di San Vigilio di Marebbe, il Post Hotel – Tradition & Lifestyle a San Candido, il Wellness & Vitalhotel Erica a Nova Ponente al sito web. Ma ce ne sono molti altri! Si tratta sempre e comunque di strutture progettate specificamente per ospitare chi, pur volendo godersi il relax e la natura del luogo, ha la necessità di continuare a lavorare.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *