Il mese scorso il delicato intervento per cambiare il colore dei suoi occhi e due settimane fa la corsa in ospedale. Francesco Chiofalo ha documentato sui social il viaggio in ambulanza, dove continuava a ripetere: “Oddio che disastro non ci vedo più bene. Ragazzi non vedo più bene“. Tutti hanno pensato che l’operazione agli occhi avesse reso l’ex protagonista di Temptation Island quasi cieco, ma non è proprio così.

Ospite a Mattino 4 Francesco ha rivelato: “No, non sono stato in ospedale per colpa dell’altra operzione. Mi hanno ricoverato dopo un brutto attacco epilettico. Questo arriva dal fatto che in passato sono stato operato per un tumore e si è creata una sorta di camera d’aria. Poi ho ribaltato gli occhi e in quei momenti ho avuto dei momenti di buio ed è stato brutto. Come mai la cecità temporanea? Quella era dovuta anche all’intervento che ho fatto di recente, almeno così mi è stato detto dai medici. Infatti io non voglio fare da modello e non dico a nessuno di imitarmi. Non incentivo chi mi segue nel fare quello che ho fatto“.

Chiofalo dice di aver rischiato di morire: “Devo la vita al mio amico e alla chiamata che ha fatto”.

Lenticchio è tornato a parlare del suo ultimo ricovero anche in un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo Tv. Chiofalo ha rivelato che al momento dell’attacco epilettico era con un suo caro amico a giocare alla Playstation e che proprio questo ragazzo avrebbe fatto la chiamata ai soccorsi. Stando alle nuove parole di Francesco, senza quella chiamata fatta dal suo amico, lui non sarebbe più qui con noi: “Sono stati dei momenti molto brutti e per fortuna non ero solo. Mi stavo divertendo con un amico e mi è venuto un attacco epilettico. Sono qui grazie a lui che ha chiamato i soccorsi sennò sarei morto. L’operazione agli occhi non c’entra con l’attacco epilettico. È stata una coincidenza. Io stavo giocando ai videogiochi con questo mio amico, anche lui si è spaventato tanto. Ho avuto dei momenti di buio ed ero terrorizzato“.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *