La faida tra Britney e Jamie Lynn Spears continua senza esclusione di colpi. Dopo l’intervista rilasciata dall’attrice di Zoey 101 al Good Morning America, la popstar di Toxic è sbottata sui social.

Jamie Lynn però non si è fermata e ieri ha parlato anche nel programma Nightline, raccontando di un episodio particolare. Sembra infatti che il padre delle due donne in passato abbia avuto problemi con l’alcol e durante una sua sfuriata, pare che Britney si sia chiusa in bagno insieme a Jamie Lynn brandendo un coltello: “Per me è anche importante ricordare che ero una bambina in quel momento. Ero spaventata. È stato un momento che ho passato, non è stato bello. Avevo anche paura di raccontarlo perché non volevo turbare nessuno, ma ero anche così sconvolta e non mi sentivo al sicuro. […] Un’altra volta Britney mi ha aggredita verbalmente urlandomi in faccia“.

La rabbia di Britney Spears: “Soltanto una feccia umana potrebbe inventarsi una bugia del genere”.

“Congratulazioni Jamie Lynn, hai raggiunto un nuovo livello di bassezza. Non sono mai stata vicino a te con un coltello e non ho mai pensato di farlo. L’unico coltello con cui ti ho vista a casa era quello che stavi usando per tagliare una grossa zucca, troppo grande da tagliare per me. Smettila di inventare storie. Quindi basta vomitare queste bugie per i libri da vendere. Solo una feccia di persona poteva inventarsi quelle cose, e sono molto confusa perché questa non è proprio la persona che conosco.

Congratulazioni per aver fatto conoscere a tua sorella maggiore il concetto di cadere in basso, molto in basso, il più in basso possibile, ed in questo caso hai vinto tu!”

Britney Spears risponde alle accuse di Jamie Lynn.

“Congratulazioni Jamie Lynn, hai raggiunto un nuovo livello di bassezza. Solo una feccia di persona poteva inventarsi quelle cose, e sono molto confusa perché questa non è proprio la persona che conosco.” pic.twitter.com/sSPHkCqLxX

Chissà che Jamie a proposito della storia del coltello non si sia confusa con questo episodio…





Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *